L’Industria della Cultura e della Creatività in Italia

Creatività e cultura sono la ricchezza di una società, l’espressione di un popolo.

L’Italia, in particolare, vanta un passato creativo e culturale prestigioso, unico al mondo. Italia Creativa nasce per evidenziare la necessità di sostenere e valorizzare l’Industria della Cultura e della Creatività nel nostro Paese, che rappresenta oggi un valore economico e sociale importante, sia in termini di volume d’affari che di occupazione.

Guarda il video

Lo studio

Lo studio si prefigge di valorizzare l’Industria della Cultura e della Creatività in Italia, presentandone una visione globale, quantitativa e qualitativa, di situazione e di prospettiva. Italia Creativa ha analizzato questa industria attraverso lo studio degli undici settori principali.

I dati in sintesi

Nel 2014 l’Industria della Cultura e della Creatività in Italia ha generato un valore economico complessivo di 46,8 miliardi di euro e ha dato occupazione a quasi un milione di persone. Puntiamo sul digitale e sui giovani per incrementare ulteriormente queste cifre.

Gli undici settori

Tutti gli undici settori concorrono a generare i 46,8 miliardi di Euro complessivi, mostrando spesso interconnessioni rilevanti. Alcuni ambiti di business sono quindi difficilmente attribuibili univocamente a un settore piuttosto che a un altro.

Gli undici settori

La filiera creativa vale 47 miliardi di euro…

Nel 2014 l’Industria della Cultura e della Creatività in Italia ha generato un valore economico pari a 46,8 miliardi di euro. Di questi, l’86% sono diretti, derivati da attività legate alla filiera creativa: la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi. Il restante 14% è invece costiutuito da ricavi indiretti, ovvero da ricavi che derivano da attività collaterali o sussidiarie.

...e 1 milione di posti di lavoro.

Nel 2014, la filiera creativa ha dato occupazione a quasi un milione di persone, di cui l’85% nelle attività economiche dirette dell’industria. 
Con circa 850.000 posti di lavoro, gli occupati diretti nell’Industria della Cultura e della Creatività rappresentano il 3,8% della forza lavoro italiana.

MILIARDI DI EURO

OCCUPATI